Deng

Primary tabs

"Un carabiniere mi chiese: 'Ma tu sei Deng? mi sarei aspettato un cinese !' Nonostante momenti difficili, sono fortunato a vivere qui.”

Mi trovo in Italia da ben venticinque anni ma ricordo perfettamente la data del mio arrivo all’aeroporto di Roma: il 3 settembre 1989, alle sette di sera. A quei tempi, il mio paese era in piena guerra civile.

Credo che la vita dei rifugiati fosse molto più semplice negli anni 90. Le cose erano molto diverse: c’erano solo pochi stranieri e gli italiani erano molto accoglienti nei nostri confronti, in particolare verso chi come me aveva molta voglia di cominciare a lavorare. Ho cominciato raccogliendo pomodori e poi, pian piano, dato che parlo l’arabo, sono diventato un interprete e ho collaborato con molte organizzazioni internazionali che offrono sostegno ai migranti.

La vita dei rifugiati e dei migranti è difficile sia nelle città sia nei paesi di provincia: lo so perché per lavoro ne ho incontrati tanti, un po’ in tutta Italia. Spesso vivono in piccoli centri abitati, del tutto isolati. Ricordo che alcuni si rifiutavano perfino di farsi visitare in ospedale, anche se molto malati, perché non erano convinti che legalmente ne avessero diritto.

Io mi considero davvero molto fortunato a vivere in Italia. Sono riuscito a trovare lavoro, ho imparato l’italiano, e la mia vita adesso è qui. Chiaramente ho anche vissuto dei momenti un po’ imbarazzanti, come quella volta che ero andato in questura per rinnovare il mio permesso di soggiorno. Una volta arrivato il mio turno, un carabiniere mi chiamò per nome ad alta voce: Deng!. Allora mi alzai e mi avvicinai. Lui però, con una faccia del tutto sorpresa, mi chiese “Tu sei Deng?”. Annuii ma lui volle comunque controllare i miei documenti per capire se stessi dicendo la verità. Una volta verificato il mio nome, mi disse: “per come ti chiami mi sarei aspettato un cinese”. Ma se il mio nome è proprio tipico della mia tribù! Ogni volta che ci ripenso mi viene da ridere.

Photo credit: IOM/F.KIM

4,312 kmfrom home
Deng
Paese Attuale: 
Italia
Paese d'Origine: 
Sudan del Sud

Condividi la Tua Storia:

This migrant's life story touches on the following Sustainable Development Goal(s):