Yusef

Primary tabs

"Adoro l’Italia da quando ero un bambino. La adoro per la sua cultura, per la sua storia e per il calcio!"

Ho lasciato la Siria sette mesi fa a causa della guerra. Ci sono voluti sette giorni per raggiungere l’Europa via mare. Il mio obiettivo era di raggiungere l’Inghilterra, ma per farlo dovevo prima arrivare a Calais. Sono rimasto lì per quasi due mesi, ma non sono mai riuscito ad arrivare nel Regno Unito. Quindi ho deciso di andare in Svezia perchè si avvicinava l’inverno e a Calais faceva davvero troppo freddo. Sono rimasto in Svezia per 8 mesi e poi mi sono recato in Italia, dove lavoro come mediatore culturale.  

E’ impossibile prevedere quanto sia difficile cominciare una nuova vita in un paese straniero. Quando si impara una nuova lingua sembra quasi di tornare a scuola, come se si tornasse bambini. E se arrivi qui da solo, senza i tuoi amici o la tua famiglia, ti senti davvero di non avere nulla. A volte è perfino noioso essere un migrante perchè non hai I tuoi bambini lì con te con cui parlare e giocare, e magari non hai neanche la possibilità di sentirli al telefono. La tua famiglia, gli amici, la tua routine: sono tutte cose che ti mancano, e che mai avresti reputato così importanti.

Rispetto a Francia e Svezia, l’Italia mi sembra più vicina alla mia cultura. La gente è calorosa: abbiamo in comune una sorte di cultura “mediterranea” che ci fa sentire più vicini. E infatti qui mi sento meno straniero, quasi come se non mi trovassi davvero all’estero. Adoro l’Italia da quando ero un bambino. La adoro per la sua cultura, per la sua storia e per il calcio! Ma per sentirmi davvero a casa mia avrei appunto bisogno di tutte quelle piccole cose che sono rimaste a casa.

Appena arrivai in Europa pensavo di essere sopravvissuto a un viaggio atroce ma, dopo aver ascoltato le esperienze degli altri migranti che hanno attraversato il Mediterraneo, posso dire che la mia esperienza non è stata nulla a confronto. Quasi un servizio a cinque stelle!  Nonostante questo, è stato un viaggio veramente traumatico. E’ davvero difficile cominciare tutto da capo, partendo da zero.

Photo credit: IOM/F.KIM

2,662 kmfrom home
#iamarefugee
Yusef
Lavoro: 
Cultural mediator
Paese Attuale: 
Italia
Paese d'Origine: 
Repubblica Araba Siriana

Condividi la Tua Storia:

This migrant's life story touches on the following Sustainable Development Goal(s):